Come fare un discorso di successo in poco tempo

Parlare di public speaking di valore significa anche chiamare in causa l’importanza di saper fare un discorso di qualità in poco tempo.

Parlare in pubblico e risultare incisivi e convincenti significa anche essere in grado di gestire a proprio favore il fattore tempo, che non sempre è dalla parte dell’oratore.

scopri come fare un discorso di successo quando hai poco tempo a disposizione

Lasciarsi intimorire dal fatto di avere poche decine di minuti a disposizione per tenere una performance di public speaking è sbagliato, perché con il giusto allenamento è possibile volgere la situazione a proprio vantaggio e fare un discorso di alta qualità, concentrando in un lasso di tempo limitato quei trucchi tecnici in grado di rimanere impressi nella memoria del pubblico. Oggi approfondiamo l’argomento analizzandone assieme tre.

Utilizza un oggetto di scena

Avere poco tempo a disposizione – per esempio meno di venti minuti – per fare un discorso implica la necessità di dedicare maggiore attenzione ad alcuni aspetti tecnici.

Uno di questi riguarda la facilità di visualizzazione dei concetti presentati. Esiste un modo per favorirla? Aiutarsi con oggetti di scena e dare spazio a riferimenti concreti, come è stato per esempio fatto dalla neuroscienziata Jill Bolte Taylor nel 2008, con un celeberrimo discorso dedicato alle sue ricerche scientifiche durante il quale ha parlato sul palco con in mano un cervello reale a scopo illustrativo (guarda il video sottostante).

Inizia con una domanda diretta

Puntare alla qualità nel public speaking è possibile anche quando il discorso deve avere una durata limitata. Per ottenere buoni risultati al proposito è bene non dimenticare l’importanza dell’incipit, un momento in cui è possibile chiamare in causa numerosi trucchi tecnici utili a coinvolgere il pubblico fin da subito e a scongiurare i cali di attenzione.

Tra gli accorgimenti tecnici in questione è possibile ricordare il ricorso immediato alla domanda diretta. Per un esempio efficace al proposito si può fare riferimento al discorso tenuto da Michelle Obama alla Bell Multicultural High School nel novembre 2013.

Michelle Obama richiama subito l’uditorio alla partecipazione con una domanda diretta – How many of you guys were here when the President and I were here the last time? – dando spazio a un trucco tanto semplice quanto importante per catturare l’attenzione della platea.

Non trascurare il paraverbale

Quando ci si trova nella necessità di fare un discorso in poco tempo il paraverbale assume un ruolo molto importante e diventa una chiave essenziale per non perdere l’attenzione del pubblico e per porre l’accento sulla tensione emotiva.

Un esempio magistrale al proposito arriva dai poco più di quattro minuti di public speaking che hanno visto protagonista l’ex Presidente USA Ronald Reagan in occasione dell’esplosione dello Shuttle Challenger nel 1986. Come è chiaro fin dai primi secondi di analisi del video sottostante, la cura del paraverbale è minuziosa fin dagli istanti iniziali e si concretizza con un’attenzione specifica alle pause, peculiarità che rende il brevissimo discorso da subito coinvolgente.

Fare un discorso di successo in poco tempo

Gestire una situazione di public speaking quando si ha poco tempo a disposizione per parlare è possibile con la preparazione tecnica giusta alle spalle e con l’attenzione a quegli accorgimenti che, giocando proprio sull’aspetto delle tempistiche ridotte, possono aiutare a far risaltare l’abilità oratoria.


Qui, se vuoi, puoi leggere altri consigli per migliorare il tuo Public Speaking:

Esperto in Comunicazione Efficace presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Coordinatore e responsabile della progettazione dei percorsi formativi in Comunicazione Pubblica e Competenze Comunicative presso la SNA – Scuola Nazionale dell’Amministrazione e professore a contratto in Comunicazione e Media presso l’Università di Roma “Foro Italico” Insegna tecniche di Public Speaking e Media Training presso SIOI (Ministero degli Affari Esteri) ed è Direttore didattico del Master in Comunicazione politica e istituzionale di Eidos Communication. Membro del Comitato Accademico dell’Istituto di Alti Studi Strategici e Politici per la Leadership (IASSP) ha formato personalmente profili che spaziano dai rappresentanti ONU (World Food Program) allo Stato Maggiore dell'Esercito Italiano, dal Ministro al Presidente di Commissione, dall'imprenditore al manager. Esperto in progettazione di attività di formazione delle risorse umane ha realizzato interventi per numerose aziende ed istituzioni tra cui la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero degli Affari Esteri, l’Esercito Italiano, Telecom Italia, Hewlett Packard, ENI, INAIL, Enel Ferrero. Recentemente ha progettato e partecipato al team didattico del corso di specializzazione per gli addetti stampa dell’Università Commerciale L. Bocconi di Milano.



Autore: MisterMedia
Esperto in Comunicazione Efficace presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Coordinatore e responsabile della progettazione dei percorsi formativi in Comunicazione Pubblica e Competenze Comunicative presso la SNA – Scuola Nazionale dell’Amministrazione e professore a contratto in Comunicazione e Media presso l’Università di Roma “Foro Italico” Insegna tecniche di Public Speaking e Media Training presso SIOI (Ministero degli Affari Esteri) ed è Direttore didattico del Master in Comunicazione politica e istituzionale di Eidos Communication. Membro del Comitato Accademico dell’Istituto di Alti Studi Strategici e Politici per la Leadership (IASSP) ha formato personalmente profili che spaziano dai rappresentanti ONU (World Food Program) allo Stato Maggiore dell'Esercito Italiano, dal Ministro al Presidente di Commissione, dall'imprenditore al manager. Esperto in progettazione di attività di formazione delle risorse umane ha realizzato interventi per numerose aziende ed istituzioni tra cui la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero degli Affari Esteri, l’Esercito Italiano, Telecom Italia, Hewlett Packard, ENI, INAIL, Enel Ferrero. Recentemente ha progettato e partecipato al team didattico del corso di specializzazione per gli addetti stampa dell’Università Commerciale L. Bocconi di Milano.
Il sito utilizza i cookies e alcuni dati per migliorare la tua user experience