Media training: il politico in contesti internazionali

media trainingSono diversi i contesti in cui il media training può rappresentare un terreno di grandissimo interesse per la costruzione dell’immagine pubblica di una figura politica. Uno di questi è senza dubbio il contesto internazionale. Oltre alla politica estera vera e propria ci sono anche gli incontri con i media, i meeting e i faccia a faccia con gli organi istituzionali.

Sono tutte occasioni in cui il media training ricopre un ruolo di fondamentale importanza, in quanto punto di riferimento e guida per il politico che, in situazioni non sempre caratterizzate da un altissimo livello di for malità, può mostrare in maniera estremamente completa quelli che sono i punti forti della sua figura.

Vediamo assieme quelli che sono alcuni casi molto interessanti, dai quali è possibile trarre numerosi spunti per vedere il media training come una risorsa in grado di fare la differenza nella strategia di comunicazione di un politico.

Matteo Renzi alla John Hopkins: l’approccio positivo

Ha destato non poco interesse mediatico il recente intervento di Matteo Renzi alla sede bolognese della John Hopkins University, uno degli atenei più prestigiosi degli Stati Uniti. Il contenuto del suo discorso è inquadrabile in quello che è un approccio estremamente costruttivo all’incontro culturale tra le due realtà, e alla valorizzazione di un patrimonio di grandissimo fascino come quello dell’Italia.

Questa strategia, che vede un attore della comunicazione porsi davanti a un uditorio sottolineando quelli che sono i fondamenti su cui si basa una specifica sinergia, può essere molto vantaggiosa se si vuole veicolare un messaggio di autorevolezza e di sicurezza.

La strategia di approccio mediatico adottata da Matteo Renzi in questo specifico caso può apparire come un esercizio di retorica vuoto di contenuti, ma invece rappresenta una straordinaria testimonianza di come sia possibile, attraverso la padronanza degli argomenti e l’intenzione di raggiungere uno specifico obiettivo (sottolineare l’eccellenza italiana), costruire un’architettura comunicativa di impareggiabile efficienza.

Berlusconi: i contrasti diventati show

Quando si parla di figure politiche al centro di contrasti in situazioni internazionali, in molti casi arrivano alla mente le immagini di Silvio Berlusconi in alcuni contesti comunicativi molto particolari, tra i quali si ricorda soprattutto l’episodio avvenuto presso il Parlamento Europeo nel 2003.

L’invettiva di Berlusconi successiva al discorso di Martin Schulz è un’interazione che, fin da subito, ha mostrato tutte le sue caratteristiche di viralità, poi esplose con l’avvento del web 2.0. I contenuti presentati non differiscono molto da quelli chiamati in causa da Matteo Renzi, ma qui vengono usati con un lapalissiano tono ironico.

European Parliament - Martin Schulz

In che modo è possibile utilizzare la strategia dell’ironia in campo internazionale? Si tratta di una strategia di approccio comunicativo che può senza dubbio avere i suoi vantaggi, ma che deve essere scelta quando la tensione tra le parti è assolutamente bassa. L’ironia è anche una forma di espressione culturale, capace di caratterizzare in maniera profonda le modalità di interazione di una persona.

Si tratta di un’arma molto sottile, la cui efficacia arriva nella politica contemporanea dallo straordinario esempio classico, ma che, in alcuni casi, può essere vista sia come un modo per mascherare un’incompetenza o l’incapacità di reggere la scena, sia come il palesarsi di un’intenzione di prevaricare l’interlocutore.

Esperto in Comunicazione Efficace presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Coordinatore e responsabile della progettazione dei percorsi formativi in Comunicazione Pubblica e Competenze Comunicative presso la SNA – Scuola Nazionale dell’Amministrazione e professore a contratto in Comunicazione e Media presso l’Università di Roma “Foro Italico” Insegna tecniche di Public Speaking e Media Training presso SIOI (Ministero degli Affari Esteri) ed è Direttore didattico del Master in Comunicazione politica e istituzionale di Eidos Communication. Membro del Comitato Accademico dell’Istituto di Alti Studi Strategici e Politici per la Leadership (IASSP) ha formato personalmente profili che spaziano dai rappresentanti ONU (World Food Program) allo Stato Maggiore dell'Esercito Italiano, dal Ministro al Presidente di Commissione, dall'imprenditore al manager. Esperto in progettazione di attività di formazione delle risorse umane ha realizzato interventi per numerose aziende ed istituzioni tra cui la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero degli Affari Esteri, l’Esercito Italiano, Telecom Italia, Hewlett Packard, ENI, INAIL, Enel Ferrero. Recentemente ha progettato e partecipato al team didattico del corso di specializzazione per gli addetti stampa dell’Università Commerciale L. Bocconi di Milano.



Autore: MisterMedia
Esperto in Comunicazione Efficace presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Coordinatore e responsabile della progettazione dei percorsi formativi in Comunicazione Pubblica e Competenze Comunicative presso la SNA – Scuola Nazionale dell’Amministrazione e professore a contratto in Comunicazione e Media presso l’Università di Roma “Foro Italico” Insegna tecniche di Public Speaking e Media Training presso SIOI (Ministero degli Affari Esteri) ed è Direttore didattico del Master in Comunicazione politica e istituzionale di Eidos Communication. Membro del Comitato Accademico dell’Istituto di Alti Studi Strategici e Politici per la Leadership (IASSP) ha formato personalmente profili che spaziano dai rappresentanti ONU (World Food Program) allo Stato Maggiore dell'Esercito Italiano, dal Ministro al Presidente di Commissione, dall'imprenditore al manager. Esperto in progettazione di attività di formazione delle risorse umane ha realizzato interventi per numerose aziende ed istituzioni tra cui la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero degli Affari Esteri, l’Esercito Italiano, Telecom Italia, Hewlett Packard, ENI, INAIL, Enel Ferrero. Recentemente ha progettato e partecipato al team didattico del corso di specializzazione per gli addetti stampa dell’Università Commerciale L. Bocconi di Milano.
Il sito utilizza i cookies e alcuni dati per migliorare la tua user experience