Comunicare una sconfitta elettorale

media trainingLa comunicazione di una sconfitta elettorale è un momento di grande importanza nella definizione del rapporto tra una figura politica e il suo pubblico, ma anche nella creazione di una strategia di media training che possa essere un buon punto di partenza per gestire le eventuali successive situazioni di difficoltà.

Non sempre la comunicazione di una sconfitta elettorale può essere assimilabile alla comunicazione di crisi. Perché scatti la succitata emergenza sono necessari numerosi fattori, ed è importante comprendere che, il fatto di aver riportato un insuccesso alle urne, non rappresenta il preludio della fine di un progetto istituzionale.

In che modo è possibile far passare questo messaggio senza che venga inficiata l’immagine di una figura/formazione comunque forte? Guardandoci attorno, possiamo trovare diversi consigli in grado di rappresentare dei punti di vista interessanti da cui partire. La situazione attuale è infatti una vera miniera di spunti, che non possono lasciare indifferente chi considera importante la comunicazione politica curata a 360°.

  • Sconfitta o insuccesso? Le parole sono importanti, e quando ci si muove nell’ambito della comunicazione istituzionale questa centralità si amplifica, dal momento che prelude la necessità di entrare in maniera profonda nella sfera di attenzione dell’elettore.

Un esempio molto interessante a questo proposito è quello di Gianni Alemanno, che, sulla sua pagine ufficiale Facebook, ha pubblicato un messaggio di stato in cui il termine “sconfitta” compare nei primissimi punti, visibile anche a un lettore veloce e distratto.

media training

Utilizzare termini così forti può essere una strategia performante per enfatizzare la forza di un percorso politico, rendendolo molto più concreto agli occhi del destinatario del messaggio.

  • La forza delle immagini: nell’era del social networking, la forza comunicativa delle immagini conosce pochi freni. Ci sono fotografie che sono in grado di parlare molto più di un discorso o di un intero blog post, e che, soprattutto, rappresentano una soluzione di continuità molto interessante rispetto al percorso di una figura politica.

L’immagine comunica, e la foto di Gianni Alemanno in lacrime dopo l’ufficializzazione della vittoria di Marino è diventata a dir poco virale nel web.

Un strategia di comunicazione politica non è  tutta nelle mani del personaggio centrale, ma anche in quelle degli utenti web, che scelgono, attraverso le condivisioni, che volto dare dai dettagli di un’operazione di cura dell’interazione con il pubblico.

Non è perciò sempre possibile controllare il flusso della comunicazione istantanea, e men che meno è semplice arrestare un processo di viralità. Per riuscire ad avere un accettabile livello di gestione di questo aspetto, è importante mantenere una comunicazione coerente e chiara durante il periodo di permanenza al centro dell’attenzione, in modo da tenere alta la reputazione online, e da arginare il più possibile fenomeni che riescono, in alcuni casi, a portare alla luce degli aspetti assolutamente non necessari in un quadro di creazione di un’interazione completa successiva a una consultazione elettorale decisiva.

alemanno

Per comunicare un insuccesso alle urne è fondamentale tenere alta l’attenzione su tanti aspetti, e, soprattutto, prepararsi all’eventualità curando quotidianamente la propria immagine in tutti i canali mediatici dove si decide di essere una presenza attiva e dialogante.

Esperto in Comunicazione Efficace presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Coordinatore e responsabile della progettazione dei percorsi formativi in Comunicazione Pubblica e Competenze Comunicative presso la SNA – Scuola Nazionale dell’Amministrazione e professore a contratto in Comunicazione e Media presso l’Università di Roma “Foro Italico” Insegna tecniche di Public Speaking e Media Training presso SIOI (Ministero degli Affari Esteri) ed è Direttore didattico del Master in Comunicazione politica e istituzionale di Eidos Communication. Membro del Comitato Accademico dell’Istituto di Alti Studi Strategici e Politici per la Leadership (IASSP) ha formato personalmente profili che spaziano dai rappresentanti ONU (World Food Program) allo Stato Maggiore dell'Esercito Italiano, dal Ministro al Presidente di Commissione, dall'imprenditore al manager. Esperto in progettazione di attività di formazione delle risorse umane ha realizzato interventi per numerose aziende ed istituzioni tra cui la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero degli Affari Esteri, l’Esercito Italiano, Telecom Italia, Hewlett Packard, ENI, INAIL, Enel Ferrero. Recentemente ha progettato e partecipato al team didattico del corso di specializzazione per gli addetti stampa dell’Università Commerciale L. Bocconi di Milano.



Autore: MisterMedia
Esperto in Comunicazione Efficace presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Coordinatore e responsabile della progettazione dei percorsi formativi in Comunicazione Pubblica e Competenze Comunicative presso la SNA – Scuola Nazionale dell’Amministrazione e professore a contratto in Comunicazione e Media presso l’Università di Roma “Foro Italico” Insegna tecniche di Public Speaking e Media Training presso SIOI (Ministero degli Affari Esteri) ed è Direttore didattico del Master in Comunicazione politica e istituzionale di Eidos Communication. Membro del Comitato Accademico dell’Istituto di Alti Studi Strategici e Politici per la Leadership (IASSP) ha formato personalmente profili che spaziano dai rappresentanti ONU (World Food Program) allo Stato Maggiore dell'Esercito Italiano, dal Ministro al Presidente di Commissione, dall'imprenditore al manager. Esperto in progettazione di attività di formazione delle risorse umane ha realizzato interventi per numerose aziende ed istituzioni tra cui la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero degli Affari Esteri, l’Esercito Italiano, Telecom Italia, Hewlett Packard, ENI, INAIL, Enel Ferrero. Recentemente ha progettato e partecipato al team didattico del corso di specializzazione per gli addetti stampa dell’Università Commerciale L. Bocconi di Milano.
Il sito utilizza i cookies e alcuni dati per migliorare la tua user experience