Ufficio stampa: le scelte che rendono inefficace la presenza su Facebook

ufficio stampa

L’ottimizzazione di un’attività di ufficio stampa non può più prescindere dall’utilizzo efficace dei social, oltre che dalla padronanza di tutte quelle tecniche utili alla redazione di un comunicato stampa di qualità, interessante sia per i motori di ricerca sia per gli utenti.

Organizzare e coordinare un lavoro di ufficio stampa significa aver chiare le modalità migliori per gestire la presenza del brand sui social, e fare in modo che il processo sia funzionale al rapporto con i media. L’utilizzo performante di Facebook è nodale a questo proposito.

Per essere sicuri di non sbagliare e di fare guadagnare punti all’immagine aziendale, è essenziale avere il focus sulle scelte che rendono inefficace l’utilizzo di Facebook da parte di un ufficio stampa. Oggi ne analizzeremo alcune assieme.

Poca attenzione alle immagini

Inserire il link a un comunicato stampa su Facebook senza fare attenzione alla qualità dell’immagine significa togliere gran parte dell’efficacia alla strategia social. I contenuti visuali rappresentano infatti elementi di conversione fondamentali. Il visual content marketing è essenziale per la comunicazione efficace, e il caso dell’ufficio stampa 2.0 non fa eccezioni, in particolare su un social come Facebook, dove un’immagine di bassa qualità – per esempio quelle troppo piccole che vengono caricate automaticamente assieme al link – può diminuire la visibilità organica di un contenuto.

Profilo personale

La scelta dell’utilizzo del profilo personale su Facebook, magari con la visibilità dei contenuti limitata, rappresenta un’impostazione priva di efficacia per quanto riguarda la gestione di un’attività di ufficio stampa 2.0, improntata a un’interazione immediata ed efficiente con il target di riferimento. Occuparsi del rapporto con i media significa massimizzare la qualità dell’immagine di un brand, il che vuol dire permettere a chi lavora nel mondo dell’informazione ed è alla ricerca quotidiana di contenuti interessanti di reperire questi ultimi in maniera rapida, senza bisogno di dover attendere l’approvazione di una richiesta d’amicizia.

Testi 1.0

Fare copia e incolla su Facebook del testo integrale di un comunicato stampa è uno degli errori più gravi che si possano commettere in un’attività di ufficio stampa 2.0, come abbiamo già avuto modo di ricordare qui. Come muoversi quindi per fare in modo che tutti gli elementi che costituiscono il link a un comunicato o a una nota stampa siano efficaci? Scegliendo immagini di qualità ed evitando testi troppo lunghi, privi di attenzione alla regola delle 5 W giornalistiche e quindi poco in grado di attirare l’attenzione dei professionisti che si interfacciano costantemente con l’overload informativo che caratterizza il panorama dei social.

Evitare il copia e incolla del testo di un comunicato non significa tagliarne alcune parti e proporlo con la medesima struttura: è necessario adottare uno stile di scrittura adeguato a una piattaforma come Facebook (call to action, periodi brevi), e fare in modo che l’approccio agli elementi che accompagnano il link possa essere il più possibile utile alla comprensione del contenuto leggibile poi nell’area press.

L’ufficio stampa 2.0 non può fare a meno di un’attenzione tecnica all’utilizzo di Facebook, la cui efficacia si basa prima di tutto sulla consapevolezza che la pagina non deve rappresentare una ‘replica’ del sito ufficiale, ma uno spazio da gestire tenendo conto di differenze fondamentali per quanto riguarda le tempistiche di fruizione dei contenuti e le relative modalità di ricerca.


Potrebbe interessarti anche:

Esperto in Comunicazione Efficace presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Coordinatore e responsabile della progettazione dei percorsi formativi in Comunicazione Pubblica e Competenze Comunicative presso la SNA – Scuola Nazionale dell’Amministrazione e professore a contratto in Comunicazione e Media presso l’Università di Roma “Foro Italico” Insegna tecniche di Public Speaking e Media Training presso SIOI (Ministero degli Affari Esteri) ed è Direttore didattico del Master in Comunicazione politica e istituzionale di Eidos Communication. Membro del Comitato Accademico dell’Istituto di Alti Studi Strategici e Politici per la Leadership (IASSP) ha formato personalmente profili che spaziano dai rappresentanti ONU (World Food Program) allo Stato Maggiore dell'Esercito Italiano, dal Ministro al Presidente di Commissione, dall'imprenditore al manager. Esperto in progettazione di attività di formazione delle risorse umane ha realizzato interventi per numerose aziende ed istituzioni tra cui la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero degli Affari Esteri, l’Esercito Italiano, Telecom Italia, Hewlett Packard, ENI, INAIL, Enel Ferrero. Recentemente ha progettato e partecipato al team didattico del corso di specializzazione per gli addetti stampa dell’Università Commerciale L. Bocconi di Milano.



Autore: MisterMedia
Esperto in Comunicazione Efficace presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Coordinatore e responsabile della progettazione dei percorsi formativi in Comunicazione Pubblica e Competenze Comunicative presso la SNA – Scuola Nazionale dell’Amministrazione e professore a contratto in Comunicazione e Media presso l’Università di Roma “Foro Italico” Insegna tecniche di Public Speaking e Media Training presso SIOI (Ministero degli Affari Esteri) ed è Direttore didattico del Master in Comunicazione politica e istituzionale di Eidos Communication. Membro del Comitato Accademico dell’Istituto di Alti Studi Strategici e Politici per la Leadership (IASSP) ha formato personalmente profili che spaziano dai rappresentanti ONU (World Food Program) allo Stato Maggiore dell'Esercito Italiano, dal Ministro al Presidente di Commissione, dall'imprenditore al manager. Esperto in progettazione di attività di formazione delle risorse umane ha realizzato interventi per numerose aziende ed istituzioni tra cui la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero degli Affari Esteri, l’Esercito Italiano, Telecom Italia, Hewlett Packard, ENI, INAIL, Enel Ferrero. Recentemente ha progettato e partecipato al team didattico del corso di specializzazione per gli addetti stampa dell’Università Commerciale L. Bocconi di Milano.
Il sito utilizza i cookies e alcuni dati per migliorare la tua user experience