Ufficio stampa 2.0 per amministrazioni locali: 3 cose da non fare

ufficio stampa

La rilevanza dell’attività di ufficio stampa nell’ambito di un’amministrazione locale è fondamentale, sia per il rapporto con i professionisti del mondo mediatico, sia per quanto riguarda la comunicazione con i cittadini.

La gestione dell’ufficio stampa implica un’attenzione costante alla qualità di numerosi aspetti, che vanno dal lavoro sui social fino a tutto quello che concerne l’area press sul sito ufficiale.

Per fare in modo di raggiungere un risultato di valore è basilare avere in mente gli errori da evitare, quelle scelte tecniche che possono inficiare dalle basi una strategia di ufficio stampa. Oggi vogliamo elencarvene alcuni.

Newsletter 1.0

Come abbiamo già avuto modo di ricordare qui, la newsletter è fondamentale per l’efficacia di un’attività di ufficio stampa legata a un’amministrazione locale. Newsletter in stile 1.0, prive d’immagini e call to action e caratterizzate per esempio dalla sola presenza di un link a una sezione generale di news online, non costituiscono un’impostazione valida per interagire in maniera chiara con l’utenza. Il valore di una newsletter è insito anche nell’ottimizzazione dell’aspetto temporale, soprattutto per quanto riguarda il contatto con professionisti che lavorano nell’ambito mediatico, e che necessitano di contenuti immediatamente usufruibili, senza percorsi online troppo lunghi. La fidelizzazione dell’utenza non deve essere mai data per scontata, anche quando si parla di uffici stampa di amministrazioni locali, per i quali è ancora più importante erogare contenuti di qualità e massimizzarne la visibilità.

Mancanza di un’area accessibile con accredito stampa

L’attività di ufficio stampa legata a un’amministrazione locale si rivolge a un target estremamente variegato. La mancanza di un’area accessibile tramite accredito stampa costituisce un errore tecnico di non poco conto (si parla di ufficio stampa, non di un quotidiano locale che ‘parla’ in maniera trasversale ai propri lettori). La differenziazione dei contenuti è parte dei fondamentali quando si parla di ufficio stampa efficace, soprattutto se ci si muove in ottica 2.0, con l’obiettivo di raggiungere in maniera mirata un target con differenti esigenze tecniche e con diversi obiettivi dall’interazione con l’area press del sito di un’amministrazione locale.

Mancanza di cartelle stampa scaricabili dal sito

Il lavoro dell’ufficio stampa di un’amministrazione locale non si esaurisce con la creazione e la corretta divulgazione di comunicati stampa: può essere necessario fornire altri materiali di approfondimento, non per forza destinati a un pubblico di professionisti legati al mondo mediatico.

Concepire il comunicato stampa come un unico insieme di testo e immagini, senza un ulteriore apparato di contenuti disponibili anche liberamente in cloud (un valido esempio a questo proposito è visibile nell’area press del sito del Comune di Milano), significa togliere gran parte dell’efficacia all’attività di ufficio stampa, ragionando in ottica 1.0 e impedendo agli utenti di approfondire un tema, e di comprenderne l’effettivo livello d’interesse in rapporto al proprio obiettivo.

L’attività di ufficio stampa di un’amministrazione locale è un lavoro che può rivelarsi estremamente complesso, e che per questo non deve perdere di vista quei processi d’innovazione tecnica legati all’universo social e alla ricerca di una comunicazione dinamica. Come concretizzare tutto questo? Partendo prima di tutto dalla consapevolezza dei passi falsi da evitare.


Potrebbe interessarti anche:

Esperto in Comunicazione Efficace presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Coordinatore e responsabile della progettazione dei percorsi formativi in Comunicazione Pubblica e Competenze Comunicative presso la SNA – Scuola Nazionale dell’Amministrazione e professore a contratto in Comunicazione e Media presso l’Università di Roma “Foro Italico” Insegna tecniche di Public Speaking e Media Training presso SIOI (Ministero degli Affari Esteri) ed è Direttore didattico del Master in Comunicazione politica e istituzionale di Eidos Communication. Membro del Comitato Accademico dell’Istituto di Alti Studi Strategici e Politici per la Leadership (IASSP) ha formato personalmente profili che spaziano dai rappresentanti ONU (World Food Program) allo Stato Maggiore dell'Esercito Italiano, dal Ministro al Presidente di Commissione, dall'imprenditore al manager. Esperto in progettazione di attività di formazione delle risorse umane ha realizzato interventi per numerose aziende ed istituzioni tra cui la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero degli Affari Esteri, l’Esercito Italiano, Telecom Italia, Hewlett Packard, ENI, INAIL, Enel Ferrero. Recentemente ha progettato e partecipato al team didattico del corso di specializzazione per gli addetti stampa dell’Università Commerciale L. Bocconi di Milano.



Autore: MisterMedia
Esperto in Comunicazione Efficace presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Coordinatore e responsabile della progettazione dei percorsi formativi in Comunicazione Pubblica e Competenze Comunicative presso la SNA – Scuola Nazionale dell’Amministrazione e professore a contratto in Comunicazione e Media presso l’Università di Roma “Foro Italico” Insegna tecniche di Public Speaking e Media Training presso SIOI (Ministero degli Affari Esteri) ed è Direttore didattico del Master in Comunicazione politica e istituzionale di Eidos Communication. Membro del Comitato Accademico dell’Istituto di Alti Studi Strategici e Politici per la Leadership (IASSP) ha formato personalmente profili che spaziano dai rappresentanti ONU (World Food Program) allo Stato Maggiore dell'Esercito Italiano, dal Ministro al Presidente di Commissione, dall'imprenditore al manager. Esperto in progettazione di attività di formazione delle risorse umane ha realizzato interventi per numerose aziende ed istituzioni tra cui la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero degli Affari Esteri, l’Esercito Italiano, Telecom Italia, Hewlett Packard, ENI, INAIL, Enel Ferrero. Recentemente ha progettato e partecipato al team didattico del corso di specializzazione per gli addetti stampa dell’Università Commerciale L. Bocconi di Milano.
Il sito utilizza i cookies e alcuni dati per migliorare la tua user experience