Public speaking: come conquistare e mantenere l’attenzione del pubblico

public speaking

Una delle sfide più importanti per chi si occupa di public speaking consiste nel conquistare e mantenere l’attenzione del pubblico per l’intera durata del discorso, così da raggiungere un risultato finale di valore.

Si può salire sul palco pronti a presentare contenuti efficaci, ma senza qualche indicazione utile per catturare e mantenere l’attenzione della platea non è possibile parlare di public speaking di valore.

Quali sono i trucchi più utili al proposito? Quali gli accorgimenti migliori per non sbagliare? Ecco qualche consiglio al proposito, tre dritte per chi punta al public speaking incisivo e vuole partire dalla conquista e dal mantenimento dell’attenzione del pubblico.

Crea attesa fin da subito

L’introduzione è fondamentale quando si discute di public speaking efficace e in particolare degli accorgimenti per ottenere l’attenzione del pubblico. Focalizzarsi sulla creazione dell’attesa, possibilmente fin dalle prime frasi di apertura del discorso, è una scelta molto valida al proposito. Un esempio per capire meglio quanto appena specificato? Il discorso tenuto da Ronald Reagan il 6 giugno 1984 in occasione della commemorazione del D-Day, con un inizio caratterizzato da un ricorso immediato allo storytelling.

Scegli la brevità

L’oratore di valore è quello capace di andare dritto al punto e di presentare al pubblico contenuti immediatamente comprensibili. Per ottenere risultati positivi in merito e per avere maggiori garanzie di mantenere l’attenzione dell’uditorio è consigliabile puntare su discorsi brevi. Un riferimento utile al proposito? Il discorso tenuto dall’oceanografo statunitense David Gallo sul palco di TED nel 2008.

Come è chiaro guardando qui, in poco più di cinque minuti e grazie a un’ottima gestione dei contenuti video viene presentata un’efficace rassegna dei comportamenti di alcuni animali marini.

Non dimenticare la naturalezza

La naturalezza, la capacità di presentare i contenuti di un’occasione di public speaking in maniera convincente e senza ausili come slide o note costituisce un aspetto nodale per riuscire a catturare l’attenzione del pubblico. Per un esempio valido al proposito osserviamo l’approccio tecnico di Donald Trump, famoso per i suoi discorsi a braccio in cui fin dall’introduzione è possibile riscontrare un’enfasi che può solo catalizzare l’attenzione dell’uditorio.

Nel video sottostante possiamo vedere un riferimento concreto, ossia un discorso tenuto a Phoenix lo scorso mese di luglio. Come è chiaro fin dai primi momenti, la scelta di procedere a braccio si rivela subito efficace per la conquista dell’attenzione della platea (molto puntuale a tal proposito è anche la gestione delle pause, ognuna delle quali avviene in concomitanza con gli applausi del pubblico).

Il public speaking efficace è il risultato della cura tecnica di numerosi aspetti – che vanno dal linguaggio non verbale alla scelta dei contenuti – e del focus costante sull’importanza di conquistare e mantenere l’attenzione del pubblico, così da essere ricordati per la propria capacità di dominare il palco e di toccare le corde emozionali dell’uditorio.


Leggi altri consigli di Public Speaking

Esperto in Comunicazione Efficace presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Coordinatore e responsabile della progettazione dei percorsi formativi in Comunicazione Pubblica e Competenze Comunicative presso la SNA – Scuola Nazionale dell’Amministrazione e professore a contratto in Comunicazione e Media presso l’Università di Roma “Foro Italico” Insegna tecniche di Public Speaking e Media Training presso SIOI (Ministero degli Affari Esteri) ed è Direttore didattico del Master in Comunicazione politica e istituzionale di Eidos Communication. Membro del Comitato Accademico dell’Istituto di Alti Studi Strategici e Politici per la Leadership (IASSP) ha formato personalmente profili che spaziano dai rappresentanti ONU (World Food Program) allo Stato Maggiore dell'Esercito Italiano, dal Ministro al Presidente di Commissione, dall'imprenditore al manager. Esperto in progettazione di attività di formazione delle risorse umane ha realizzato interventi per numerose aziende ed istituzioni tra cui la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero degli Affari Esteri, l’Esercito Italiano, Telecom Italia, Hewlett Packard, ENI, INAIL, Enel Ferrero. Recentemente ha progettato e partecipato al team didattico del corso di specializzazione per gli addetti stampa dell’Università Commerciale L. Bocconi di Milano.



Autore: MisterMedia
Esperto in Comunicazione Efficace presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Coordinatore e responsabile della progettazione dei percorsi formativi in Comunicazione Pubblica e Competenze Comunicative presso la SNA – Scuola Nazionale dell’Amministrazione e professore a contratto in Comunicazione e Media presso l’Università di Roma “Foro Italico” Insegna tecniche di Public Speaking e Media Training presso SIOI (Ministero degli Affari Esteri) ed è Direttore didattico del Master in Comunicazione politica e istituzionale di Eidos Communication. Membro del Comitato Accademico dell’Istituto di Alti Studi Strategici e Politici per la Leadership (IASSP) ha formato personalmente profili che spaziano dai rappresentanti ONU (World Food Program) allo Stato Maggiore dell'Esercito Italiano, dal Ministro al Presidente di Commissione, dall'imprenditore al manager. Esperto in progettazione di attività di formazione delle risorse umane ha realizzato interventi per numerose aziende ed istituzioni tra cui la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero degli Affari Esteri, l’Esercito Italiano, Telecom Italia, Hewlett Packard, ENI, INAIL, Enel Ferrero. Recentemente ha progettato e partecipato al team didattico del corso di specializzazione per gli addetti stampa dell’Università Commerciale L. Bocconi di Milano.
Il sito utilizza i cookies e alcuni dati per migliorare la tua user experience