Pubblica amministrazione: come gestire una rassegna stampa social

Gli enti della pubblica amministrazione che si interessano delle dinamiche 2.0 del web non possono più fare a meno di curare una rassegna stampa social.

L’avvento delle piattaforme di networking e della comunicazione 2.0 ha reso gli enti della PA dei veri e propri brand, che hanno quindi la necessità di curare in maniera completa la propria immagine online.Pubblica-Amministrazione-rassegna-stampa-social-nicola-bonaccini-mistermedia

Non è sufficiente fare attenzione ad aspetti come il customer care per ottenere risultati positivi in tale campo, ma è anche essenziale monitorare il modo in cui i media parlano dell’operato di un determinato ente (così è anche possibile fornire un polso della situazione agli utenti finali).

A tal proposito è utile analizzare qualche consiglio pratico, per capire come dovrebbe muoversi la pubblica amministrazione 2.0 nella gestione di una rassegna stampa social.

Sguardo internazionale

Lo sguardo internazionale è imprescindibile quando si parla di rassegna stampa social e di enti della pubblica amministrazione 2.0. Come già ricordato, ogni singola realtà della PA presente online è un brand che deve curare la propria reputazione anche dando spazio a uscite mediatiche internazionali, come viene per esempio fatto su Twitter dal Comune di Pistoia (vedi immagine sottostante).

Pubblica-Amministrazione-rassegna-stampa-social-Pistoia-nicola-bonaccini-mistermedia
Come le PA dovrebbero gestire una rassegna stampa social: l’approccio internazionale del Comune di Pistoia

Per una rassegna stampa efficace social ci vuole costanza

Quando si parla di pubblica amministrazione 2.0 e di cura della rassegna stampa social, è bene ricordare che tale attenzione non deve essere sporadica. Le piattaforme di networking presidiate dagli enti della pubblica amministrazione devono dare spazio costante alla rassegna stampa, così da diventare dei punti di riferimento completi per gli utenti finali, siano essi cittadini privati o interlocutori aziendali.

Per trovare un riferimento valido in merito possiamo analizzare l’approccio del Comune di Milano, con l’account Twitter principale dove quasi ogni giorno vengono condivisi post dedicati alle uscite mediatiche su alcuni dei più importanti quotidiani nazionali.

Rassegna stampa social: occhi aperti sui blog

Analizzare l’approccio degli enti della pubblica amministrazione alla rassegna stampa social vuol dire considerare non solo l’importanza delle uscite su testate nazionali e internazionali, ma anche dare spazio alle voci dell’universo dei blogger, che riescono spesso a ‘raccontare’ un territorio o uno specifico evento in maniera estremamente efficace, consentendo sempre all’utente finale di avere un quadro completo dell’operato dell’Ente.

Per un esempio di qualità al proposito possiamo dare un’occhiata all’account Twitter del Comune di Bologna dove, come è chiaro dall’immagine sottostante, l’attenzione alla copertura mediatica relativa ai blog non viene trascurata.

Pubblica-Amministrazione-rassegna-stampa-social-Bologna-nicola-bonaccini-mistermedia
Come le PA dovrebbero gestire una buona rassegna stampa social: l’esempio del Comune di Bologna

I social hanno reso definitivamente bidirezionale la comunicazione tra enti della pubblica amministrazione e pubblico finale. Questo cambiamento epocale ha reso non solo essenziale l’attenzione alla qualità dei contenuti, ma anche mantenere un occhio aperto sul mondo dei media e su come parlano di un determinato ente.

La rassegna stampa costituisce infatti una vetrina fondamentale sul lavoro degli amministratori locali e di chiunque, operando nella pubblica amministrazione, abbia il dovere d’interagire in maniera immediata e trasparente con l’utenza finale.


Se vuoi, qui puoi leggere altri consigli per PA Social:

Potrebbe interessarti anche:

Esperto in Comunicazione Efficace presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Coordinatore e responsabile della progettazione dei percorsi formativi in Comunicazione Pubblica e Competenze Comunicative presso la SNA – Scuola Nazionale dell’Amministrazione e professore a contratto in Comunicazione e Media presso l’Università di Roma “Foro Italico” Insegna tecniche di Public Speaking e Media Training presso SIOI (Ministero degli Affari Esteri) ed è Direttore didattico del Master in Comunicazione politica e istituzionale di Eidos Communication. Membro del Comitato Accademico dell’Istituto di Alti Studi Strategici e Politici per la Leadership (IASSP) ha formato personalmente profili che spaziano dai rappresentanti ONU (World Food Program) allo Stato Maggiore dell'Esercito Italiano, dal Ministro al Presidente di Commissione, dall'imprenditore al manager. Esperto in progettazione di attività di formazione delle risorse umane ha realizzato interventi per numerose aziende ed istituzioni tra cui la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero degli Affari Esteri, l’Esercito Italiano, Telecom Italia, Hewlett Packard, ENI, INAIL, Enel Ferrero. Recentemente ha progettato e partecipato al team didattico del corso di specializzazione per gli addetti stampa dell’Università Commerciale L. Bocconi di Milano.



Autore: MisterMedia
Esperto in Comunicazione Efficace presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Coordinatore e responsabile della progettazione dei percorsi formativi in Comunicazione Pubblica e Competenze Comunicative presso la SNA – Scuola Nazionale dell’Amministrazione e professore a contratto in Comunicazione e Media presso l’Università di Roma “Foro Italico” Insegna tecniche di Public Speaking e Media Training presso SIOI (Ministero degli Affari Esteri) ed è Direttore didattico del Master in Comunicazione politica e istituzionale di Eidos Communication. Membro del Comitato Accademico dell’Istituto di Alti Studi Strategici e Politici per la Leadership (IASSP) ha formato personalmente profili che spaziano dai rappresentanti ONU (World Food Program) allo Stato Maggiore dell'Esercito Italiano, dal Ministro al Presidente di Commissione, dall'imprenditore al manager. Esperto in progettazione di attività di formazione delle risorse umane ha realizzato interventi per numerose aziende ed istituzioni tra cui la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero degli Affari Esteri, l’Esercito Italiano, Telecom Italia, Hewlett Packard, ENI, INAIL, Enel Ferrero. Recentemente ha progettato e partecipato al team didattico del corso di specializzazione per gli addetti stampa dell’Università Commerciale L. Bocconi di Milano.
Il sito utilizza i cookies e alcuni dati per migliorare la tua user experience