Comunicazione politica: le basi per il successo

comunicazione politica

Il successo di una campagna di comunicazione politica dipende dalla strategia, che è frutto dell’attenzione alle basi tecniche utili per muovere i primi passi in qualsiasi contesto.

La qualità di una campagna di comunicazione politica passa dalla cura delle basi strategiche, di quegli aspetti che non possono essere trascurati perché il processo possa rappresentare un case history positivo, e raggiungere risultati utili.

Cosa non deve mancare in una campagna di comunicazione politica perché si possa parlare di basi strategiche funzionali al successo? Oggi vogliamo regalarvi qualche veloce pillola di risposta a questa domanda.

Riconoscibilità e coerenza

Gestire una campagna di comunicazione politica significa curare lo ‘stato di salute’ di quello che è un brand a tutti gli effetti. Alla luce di questo aspetto, è fondamentale individuare un tono di voce specifico, e fare in modo che sia riconoscibile e coerente con le esigenze del target. Di esempi di gestione puntuale del tono di voce in comunicazione politica ce ne sono davvero tanti (uno su tutti è quello di Matteo Renzi con il suo linguaggio smart carico di riferimenti al web 2.0), ed è sempre utile non trascurarli se si vuole coltivare un percorso efficace basato sulla ricerca della qualità a lungo termine.

comunicazione politicaI social media non sono impegni temporanei

Quando si parla di basi per un processo di comunicazione politica di qualità è importante ricordare che la presenza sui social non costituisce un impegno temporaneo, da abbandonare una volta terminata la campagna elettorale. Si tratta invece di una promessa a lungo termine, che deve essere mantenuta attraverso un percorso di content curation basato sulla conoscenza precisa delle esigenze del proprio target di riferimento.

A questo proposito è possibile riscontrare un esempio positivo nell’approccio a Facebook di Matteo Salvini, caratterizzato da un’erogazione costante di contenuti e da riferimenti continui ai problemi concreti della community che segue la pagina e si riconosce nelle proposte politiche della Lega Nord.

Attenzione alla comunicazione di crisi

Anche quando si parla di basi di comunicazione politica è fondamentale ricordare l’importanza di non trascurare l’eventualità di un percorso di comunicazione di crisi. Cosa significa questo? Che un processo di comunicazione politica basato sulla qualità deve avere tutti gli strumenti per ‘raccontare’ situazioni difficili, come per esempio un insuccesso alle urne.

Un esempio utile a tal proposito? L’impostazione di Barack Obama dopo le elezioni di Midterm, contraddistinta da una chiara ammissione della sconfitta e dalla presentazione di un messaggio chiaro improntato alla chiarificazione delle cause del fallimento.

comunicazione politica

La comunicazione politica, esattamente come tutto quello che riguarda gli ambiti del social media training e del public speaking, è prima di tutto tecnica. Senza le basi, qualsiasi sia il contesto in cui si ha intenzione di muovere i primi passi e di fidelizzare un target, è impensabile avviare un processo d’interazione con l’utenza, e sperare che riesca a diventare un case history di successo.


Potrebbe interessarti anche:

Esperto in Comunicazione Efficace presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Coordinatore e responsabile della progettazione dei percorsi formativi in Comunicazione Pubblica e Competenze Comunicative presso la SNA – Scuola Nazionale dell’Amministrazione e professore a contratto in Comunicazione e Media presso l’Università di Roma “Foro Italico” Insegna tecniche di Public Speaking e Media Training presso SIOI (Ministero degli Affari Esteri) ed è Direttore didattico del Master in Comunicazione politica e istituzionale di Eidos Communication. Membro del Comitato Accademico dell’Istituto di Alti Studi Strategici e Politici per la Leadership (IASSP) ha formato personalmente profili che spaziano dai rappresentanti ONU (World Food Program) allo Stato Maggiore dell'Esercito Italiano, dal Ministro al Presidente di Commissione, dall'imprenditore al manager. Esperto in progettazione di attività di formazione delle risorse umane ha realizzato interventi per numerose aziende ed istituzioni tra cui la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero degli Affari Esteri, l’Esercito Italiano, Telecom Italia, Hewlett Packard, ENI, INAIL, Enel Ferrero. Recentemente ha progettato e partecipato al team didattico del corso di specializzazione per gli addetti stampa dell’Università Commerciale L. Bocconi di Milano.



Autore: MisterMedia
Esperto in Comunicazione Efficace presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Coordinatore e responsabile della progettazione dei percorsi formativi in Comunicazione Pubblica e Competenze Comunicative presso la SNA – Scuola Nazionale dell’Amministrazione e professore a contratto in Comunicazione e Media presso l’Università di Roma “Foro Italico” Insegna tecniche di Public Speaking e Media Training presso SIOI (Ministero degli Affari Esteri) ed è Direttore didattico del Master in Comunicazione politica e istituzionale di Eidos Communication. Membro del Comitato Accademico dell’Istituto di Alti Studi Strategici e Politici per la Leadership (IASSP) ha formato personalmente profili che spaziano dai rappresentanti ONU (World Food Program) allo Stato Maggiore dell'Esercito Italiano, dal Ministro al Presidente di Commissione, dall'imprenditore al manager. Esperto in progettazione di attività di formazione delle risorse umane ha realizzato interventi per numerose aziende ed istituzioni tra cui la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero degli Affari Esteri, l’Esercito Italiano, Telecom Italia, Hewlett Packard, ENI, INAIL, Enel Ferrero. Recentemente ha progettato e partecipato al team didattico del corso di specializzazione per gli addetti stampa dell’Università Commerciale L. Bocconi di Milano.
Il sito utilizza i cookies e alcuni dati per migliorare la tua user experience